Articolo

Privacy. Non è reato l'inosservanza che determini un danno minimo alla persona e non comporti un danno patrimoniale apprezzabile. Cass. 30134/04

PRIVACY. NON COSTITUISCE REATO L’INOSSERVANZA CHE DETERMININO UN DANNO MINIMO OVVERO CHE NON COMPORTINO DANNO PATRIMONIALE APPREZZABILE.

Con sentenza n. 30134, depositata lo scorso 9 Luglio, la III Sezione Penale della Suprema Corte, con riferimento all’art. 167 del D. Lgs.vo n. 196/96, ha statuito che non sono punibili le inosservanze che comportino un “ vulnus” minimo all’identità personale e che non determinino alcun danno patrimoniale alla persona.

Frosinone lì 27 Agosto 2004